Domanda di concessione di contributo per il superamento e l´eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici privati.  

CHE COSA E' :  

Richiesta di contributo pubblico per opere finalizzate all’eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici privati con l’obiettivo di renderli accessibili alle persone diversamente abili.


DOVE RIVOLGERSI :  

UFFICIO EDILIZIA PRIVATA E URBANISTICA


COSA OCCORRE FARE PER :  


Presentare la domanda di contributo in marca da bollo utilizzando il fac ­simile pubblicato sul BURL 1 Suppl. Straordinario n.1 del 05/01/2010, prima dell’inizio dei lavori, allegando:

1. certificato medico in carta libera, debitamente sottoscritto da un medico, da cui risulti esplicitamente:l’handicap dell’avente diritto all’intervento, la/e patologia/e da cui tale handicap deriva, le obiettive difficoltà che ne derivano;

2. relazione descrittiva, disegni, computo estimativo e/o preventivo di spesa che individuino precisamente ed esclusivamente le opere relative al superamento delle barriere architettoniche oggetto della richiesta di contributo;

3. certificato ASL attestante l’invalidità totale, qualora il portatore di handicap voglia avvalersi della precedenza ai fini della liquidazione del contributo;

4. dichiarazione sostitutiva di atto notorio;

Requisito fondamentale per ottenere il contributo è il rispetto dei requisiti tecnici di adattabilità in osservanza al D.M. 236/1989 artt.4,6,8 che deve essere verificato ed attestato dal comune.

Per l’erogazione del contributo il beneficiario dovrà presentare al comune la/le fatture riportanti le voci di spesa che concorrono all’importo totale della fattura stessa.



QUANDO :  

Entro il 1 marzo di ogni anno i comuni raccolgono le domande pervenute e ne verificano la sussistenza.

TEMPI :  

Entro il 31 marzo il sindaco, sulla base delle domande ritenute ammissibili, stabilisce il fabbisogno del comune e:
· predispone l’elenco delle domande ammesse;
· comunica alla regione il fabbisogno comunale,
· la regione determina il fabbisogno complessivo e trasmette al ministero delle infrastrutture e dei trasporti la richiesta di partecipazione alla ripartizione del fondo ed integra, sulla base della propria disponibilità, qualora i fondi erogati non siano sufficienti a soddisfare i fabbisogno annuale;
· a seguito dell’avviso di disponibilità finanziaria inviato dalla regione il comune, entro trenta giorni, a seguito della presentazione delle fatture quietanzate e della verifica della congruità delle spese sostenute, eroga il contributo.

COSTI :  

Marca da bollo secondo il valore della legge vigente

RESPONSABILE :  

arch. Rosalba Russo

ALLEGATI

Versione Stampabile Versione Stampabile